6 terribili verità, narrativa

Il richiamo – parte 2

6 terribili verità – Sesta verità

Un debole rumore, umido e strisciante, simile a quello dello straccio per lavare a terra che viene sbattuto e passato sul pavimento. Matteo si era svegliato spesso durante il turno di pulizie della mattina, non gli dispiaceva affatto sentire i rumori della giornata che comincia. Solo che quei rumori non c’erano, niente parlottii a bassa voce, niente ruote cigolanti dei carrelli di servizio, niente tonfi attutiti di oggetti posati o appoggiati alle pareti; solo quel fastidioso sibilo bagnato. In effetti la stanza era ancora buia, fuori dai vetri della finestra si vedeva solo la notte e il bagliore che filtrava da sotto la porta era senza dubbio quello delle luci di servizio, la luce del sole aveva un altro colore. Continue reading “Il richiamo – parte 2”

poesia

Il terzo giudizio

Siamo i figli del terzo giudizio,
di quell’angelo che s’è astenuto,
che non levò né voce, né mano

nella guerra che sconvolse l’inizio,
che fu perciò il secondo caduto:
per essersi astenuto invano.

Amore e morte, grandezza e vizio.
Tutto quanto si era già compiuto
con il primo essere umano.

L'ora della scimmia, narrativa

L’ora della scimmia – capitolo 5

Rasnia corre fino a sentire ogni boccata d’aria bruciarle nel petto; inala a forza dalla gola asciutta, mentre copre l’ultimo tratto di strada asfaltata che la separa dall’ingresso al campo nomadi.

Da quando è uscita dal palazzo abbandonato, ha sentito con urgenza crescente un senso di pericolo salirle dal basso ventre. Ha attraversato mezza città sperando che fosse davvero solo una brutta sensazione, come aveva detto a Lolo; una reazione stupida – infantile direbbe qualcuno – a una situazione di stress o di disagio. Immaginava già lo sguardo sbigottito di Bato e le prese in giro, di giorni e giorni, dei suoi amici che l’avessero vista aver fatto irruzione tra le roulotte e i container, zuppa di sudore e con l’aria stravolta per… niente.

Quello che è rimasto delle sue speranze quando ha superato il ponte della tangenziale è niente. Continue reading “L’ora della scimmia – capitolo 5”

6 terribili verità, narrativa

Serena – parte 4

6 terribili verità – Quinta verità

«Serena. Serena.»

Serena si svegliò con la testa che le girava e il sangue che le colava sugli occhi da un profondo taglio sulla fronte. Accanto a lei, Davide era riverso sul volante, respirava ancora e non sembrava aver riportato lesioni gravi. Provò a risvegliarlo, ma rimase privo di conoscenza, così scese dalla macchina.

Distrutta. La macchina era distrutta. Il motociclista che aveva causato l’incidente era ancora sulla strada, fermo, a cavallo della Harley, il casco sotto il braccio.

«Serena, mi stavi cercando?» Continue reading “Serena – parte 4”

poesia

Metro libero

È in queste stanze
ch’io ti vidi allora
mutar sembianze
e ti rivedo ancora

divenire in lampo
luce e trasparenza,
suono e melodia

e senza scampo,
mia coscienza,
eri poesia,

eri la forma e il contenuto,
un fiume in piena,
in libertà nell’assoluto.
Con gran pena

m’ero perso
e tu eri sola.
Non sei mia,

sei in ogni verso,
ogni parola.
E così sia.