L'ora della scimmia, narrativa

L’ora della scimmia – capitolo 9

Il container è addobbato come per una festa: fiori e strisce di stoffa pendono da catene fatte con anelli di carta colorata appese alle pareti interne e trecce di nastri lucidi incorniciano le finestre. La porta è tenuta aperta da un grosso vaso con un alberello di mandarino per consentire l’accesso all’ambiente principale, dove i piccoli ospiti possono trovare ciotole piene di dolci, caramelle, frutta secca, oltre che caraffe di latte, the leggero, succo e acqua.

Continue reading “L’ora della scimmia – capitolo 9”
narrativa

Una casa per Briciola

C’era una volta un boscaiolo che viveva in una casetta di legno ai piedi di una montagna in mezzo al bosco.
La casetta era piccola, aveva una sola stanza, e il boscaiolo era grande e grosso.
Era un uomo molto, molto indaffarato: si svegliava la mattina presto, quando fuori era ancora buio, sistemava tutti i suoi attrezzi e all’alba era già al lavoro nel bosco e tagliava i tronchi degli alberi con una grossa sega.
Era un lavoro per cui erano necessari due uomini belli robusti, ma il boscaiolo era molto forte e faceva tutto da solo. Continue reading “Una casa per Briciola”

L'ora della scimmia, narrativa

L’ora della scimmia – capitolo 8

«Domani?!»

Dal piccolo parcheggio annesso, Lolo sente Maria lamentarsi ad alta voce con il gestore dell’officina. In effetti quando avevano portato l’automobile si sarebbe aspettato una soluzione più rapida. Non un “battibaleno” come aveva detto per rassicurare Maria, ma neanche un giorno intero.

«Come sarebbe a dire domani?» insiste la ragazza. Continue reading “L’ora della scimmia – capitolo 8”

6 terribili verità, narrativa

Il richiamo – parte 9

6 terribili verità – Sesta verità

Uno strappo deciso e le cinghie si spezzarono una dopo l’altra, prima di cedere gli avevano ferito la pelle, ma non aveva molta importanza: finalmente era libero.

A liberarlo, però, erano stati i suoi persecutori, questo Matteo lo aveva ben chiaro, per cui decise di rimanere comunque immobile. Le braccia e le gambe erano invase da un insopportabile formicolio, il sangue che tornava a circolare lo tormentava, si sforzò di resistere, non mosse un muscolo. Sentiva ancora quel brusio umido e inframezzato da schiocchi che lo aveva accompagnato durante tutto il viaggio. Le creature lo avevano poggiato da qualche parte, lo avevano condotto dove volevano ed erano rimaste lì, ad aspettare qualcosa. Continue reading “Il richiamo – parte 9”

6 terribili verità, narrativa

Il richiamo – parte 8

6 terribili verità – Sesta verità

Da quant’è che andava avanti l’interrogatorio? Ormai Matteo aveva perso il conto delle ore, o forse dei giorni.

«Confessa, piccolo stronzo!» disse il primo uomo.

Gli faceva male la schiena e le gambe si stavano addormentando tanto era rimasto seduto dietro a quel tavolo di legno.

«Sei sordo, eh? O sei solo ritardato?» incalzò il secondo uomo.

Non riusciva a vederli in faccia e nemmeno a capire come fossero vestiti, per lui erano solo delle voci graffianti che si inserivano nel brusio di fondo provocato dal richiamo, delle sagome nere stagliate contro una forte luce alle loro spalle. Continue reading “Il richiamo – parte 8”

6 terribili verità, narrativa

Il richiamo – parte 7

6 terribili verità – Sesta verità

Il freddo gli stava facendo dolere anche le ossa e a niente serviva stringere al petto le braccia conserte. Dondolare avanti e indietro avvicinando la fronte alle ginocchia non scioglieva il gelo che risaliva dal bordo del marciapiede su cui era seduto, che dai glutei gli irrigidiva i muscoli della schiena fino a bloccargli il collo.

Un borbottio straziante salì dallo stomaco di Matteo.

«Scusami sai – disse sorridendo alla bambina seduta vicino a lui – ma sto veramente morendo di fame.» Continue reading “Il richiamo – parte 7”