L’ora della scimmia – capitolo 25

Sono una decina i ragazzi che si avvicinano con decisione alla mole squadrata del Palazzo del Governo, guidati da Cal. Lo spazio è angusto, buio, caldo e asfissiante. Lolo sente la pressione dei corpi ammassati su ogni centimetro di pelle; così stretti che il torace fa fatica ad alzarsi per immettere aria. Poca aria. Fiato... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 24

Sono una decina i ragazzi che si avvicinano con decisione alla mole squadrata del Palazzo del Governo, guidati da Cal. Lolo si mantiene a una certa distanza, senza perderli d’occhio e cercando di non farsi suggestionare dai fasti del potere. Non era mai stato così vicino ai luoghi dove si decidono le sorti di un... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 23

A tarda mattinata, i manifestanti continuano a confluire in una Piazza del Popolo piena oltre ogni norma di sicurezza. Lolo è arrivato con le schiere di mezzo; è lì da oltre un’ora e tutta quella calca comincia a infastidirlo: stretti come sardine, sotto lo stesso sole quasi a picco, respirano la stessa aria pesante, attendono... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 22

Le parole che Giano ha detto a Lolo Ti dirò chi sono, così potrai farti un’idea tua sul mio conto. Così su due piedi direi che sono uno a cui piace avere a che fare con la gente. Parlare alla gente. Vedi tutte queste persone? Giovani, ragazzi, adulti, uomini, donne; non ha importanza. Molti di... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 21

All'inizio non aveva capito di cosa si trattasse. Le voci e i passi di migliaia di persone ammassate in una processione urbana, che come un lungo dragone pigro e festoso strisciava tra le vie maestre della capitale. Lolo avrebbe continuato a guardare la grande bestia composita per tutto il giorno se dei ragazzi affacciati al... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑