Mi sedevi accanto

Mi siedi accanto in una sala d'attesa. Piove anche stavolta. La tua faccia rivolta alla finestra soppesa il tempo: scorre in pianto. Lo so e non mi volto. Non ce n'è bisogno: so quello che pensi. Quanto sono immensi i sogni di un sogno? Sta piovendo da molto? Non ti dico niente, sembra tutto normale,... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 20

Precipitare nel vuoto non gli dà alcun assaggio di eternità; è un lungo attimo che non gli lascia il tempo di ripensare ai suoi sbagli o, come si racconta, rivivere la propria intera vita in una sequenza di fotogrammi. Il tempo non si ferma per consentirgli di farlo, anzi, precipita assieme a lui, a peso... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 19

Il treno lo lascia al primo binario. È salito sull’ultima carrozza e dall’ultima carrozza scende. L’aria fresca non stempera la puzza che lo aggredisce appena si aprono le porte a scatto. Lolo aspetta che il vagone di coda si riduca a un puntino e si dissipi il rumore ferroso, prima di incamminarsi. Voleva una visuale... Continue Reading →

L’ora della scimmia – capitolo 18

La Grande Menzogna Così accadde che Avraham, come aveva dato la morte a suo fratello Moishel con una pietra, uccise il Sommo Ohdel con una lancia e rimase al suo fianco, abbandonando gli uomini a loro stessi. Avraham aveva tre compagni con cui aveva guidato l’assalto alla dimora di Ohdel: Nahel il saggio, Yakof il... Continue Reading →

L’immagine sul lago

Lungo i bordi sommersi d'un lago montano t'incontro alla meridia ora, che già insidia il manto color ciano sotto cui siamo persi. C'incontriamo adesso come alberi secchi da tempo attecchiti ora i fusti politi varcano gli specchi di quel fluido riflesso. Rami in cima a una colonna spezzati e contorti sulla propria immagine sull'ultima propaggine... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑