Un dolore da quattro soldi

Da ché mi contempla
su un tavolo instabile
quell’altro me stesso
nel vetro ricurvo
contiene già in sé
pietà e potenziale
d’appena un migliaio
di schegge affilate

Vorrei che esplodesse
così il mio dolore
da due o quattro soldi
spargendosi in giro
perché finché è muto
fa male, ma invano
virtù a basso costo
pagata una vita

Sei qui, tu, da poco
eppure hai già messo
radici, legami
ed io come sempre
poggiato qui in bilico
ti guardo, sorrido
e dopo vacillo

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: