Di moto inerziale

Mi sposto, così, senza produrre moto,
spinto da inconsapevolezza inerziale,
concorro di gara in gara e mi ritiro
senza soluzione di continuità.

Da quanto questo? Cerco un po’ di ristoro,
tra piccole caducità e immani assenze,
cerco l’ultima foglia aggrappata all’acero,
l’ombra confusa che proietta alla sera.

Il senso è a me come un vecchio bastardino
affetto da cataratta e ipoacusia,
lo cerco nel palmo caldo di una mano
per sapere che ci sono da un contatto

con chi c’è.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: