L’utopia tenace

Non sono riuscito
A dire più nulla
Fuorché le misere
Meschinità fluite
Dai solchi d’un atto
Di dolore antico
Rimestano indosso
Pseudopodi eterei
Sondano la colpa
Cercano la crepa
Nel celarmi dentro
Tutto, ogni sterile
Nuovo riscontro
Di questa mancanza
Passa dal risveglio
Tra la notte e l’alba
In sorde apologie
Alle ombre diafane
Non ho chiesto scusa
Né ho detto chi sono
Mi sono vestito
Di quello che avevo
L’utopia tenace
Di poter essere
Migliore di questo

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: