I tre volti di Ecate, di Claudia Brigida Speggiorin

I tre volti di Ecate sul sito Golem Edizioni

Quello che riesce a fare Claudia in questo libro è incredibile.

Io, da scribacchino incallito, ho sempre buttato su carta un po’ di tutto, ma tutto a suo tempo e tutto a suo modo. Qui la narrativa, qua il teatro, lì la poesia e via dicendo.

Nei tre volti di Ecate, questa separazione non si coglie. È un romanzo, certo, senza dubbio, ma è anche un’elegia, un sonetto, un dramma, un diario. È la confessione d’innocenza di un anima discreta e devota nel boato della perdizione umana.

I tre volti di Ecate sono i volti che ci chiede di avere Claudia mentre leggiamo il suo dono per la nostra memoria.

Quello del lettore, curioso, attento e impietoso.

Quello dell’uomo, dalle cui esperienze rilette attraverso gli occhi di Adele germina la pietà.

L’ultimo, quello velato, quello dietro a molte maschere, forse è il volto di un dio o di una dea che smette di guardarci quando ce ne accorgiamo e simula indifferenza mentre con una lacrima bagna il nostro angolo di mondo.

“La memoria, che bene prezioso Loris, che privilegio e responsabilità nel custodire scorci di vita passata…”

Mi diceva proprio ieri Claudia.

Ora la memoria della grande Storia, con la s maiuscola, e della piccola storia di Adele, è anche una mia responsabilità.

Non solo perché rievoca fatti e vicende che è bene non dimenticare. E non importa neanche se la sua storia non è mai avvenuta, perché è la storia di tante e di tanti, di tutti probabilmente. La storia di chi ha sofferto e porta su di sé questa sofferenza come un marchio indelebile.

Come una cicatrice sulla fronte, la sofferenza della singola persona è insignificante, vergognosa, mai gloriosa, mai giusta e si può dissimulare solo sotto un trucco elaborato.

Allora quanto è sbagliata quest’opera che parla degli abissi umani quotidiani attraverso le labbra a bocciolo di una ragazzetta inesistente?

Come si permette, questo romanzetto, di rivelare con semplicità e onestà quello che secoli di costrutti sociali hanno condannato alla scelta: nascosto o lapidato?

Si può piangere, leggendo I tre volti di Ecate, ma fate attenzione che le lacrime salate non cancellino l’amaro che vi rimane in bocca dopo ogni capitolo, perché è il sapore autentico e difficile da apprezzare delle relazioni che legano ogni essere umano all’altro.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: