A mille anni da adesso

Pensati a mille anni da adesso.
Sembra passato come tutto il resto,
ma eravamo qui per qualche motivo

prima di decretare con successo
la nostra fine persa con l’innesto
in noi di un singolo gene votivo

Dopo lungo fissare quel latente
disprezzo per noi stessi, mi dettagli,
con incredulità ormai avvezza,

come non abbiamo imparato niente
da questi altri mille anni di sbagli:
in bilico tra possesso e purezza

La tua pelle… La tua pelle mi parla
Con lucido riflesso d’aforisma:
siamo acqua nel vino della messa,

poche gocce insufficienti a toccarla,
e nell’acqua poche gocce di crisma,
incapace di fondermi con essa

Mille anni di scabrosa astinenza,
vivere ancora, senza più volerlo,
e ancora, le nostre voglie mai sazie

Un motivo c’è? O ne siamo senza?
Preferisco comunque non saperlo
Come un millennio fa, rendere grazie

Passati mille anni, mi appartieni
da ché abbiamo reso schiava la vita
con le mie labbra, le tue mani, eppure

ancora mi nascondo tra i tuoi seni
dalle urla di una morte tradita
Nasciamo tutti da umide fessure

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: