Il mondo brucia

Il mondo brucia
Non me ne ero neanche reso conto
Lo osservo in fiamme di là dalla soglia

Arde tra le vampe della sfiducia,
di contraddittori senza confronto
Consuma una foresta ormai spoglia

Bruciano città cinte da fossati
e fortezze di re senza domini
Si alzano roghi nel gelo che avanza

Piccoli o grandi incendi isolati
consumano chiunque si avvicini
nel furor cieco della noncuranza

Trema la mano che regge la porta
a causa del freddo dei compromessi
stipulati col vuoto che verrà

Per l’ombra umana riarsa e distorta
impressa al muro di nuovi recessi
di carità

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: