Enigmatica bicicletta, di Pietruccio Montalbetti

Enigmatica Bicicletta, Pietruccio Montalbetti, Iris4 Edizioni, 2019

Il noir nostrano “Enigamatica bicicletta” è l’ultimo romanzo di Pietruccio Montalbetti, lo storico chitarrista e leader dei Dik Dik, che da tempo ormai si dedica con impegno alla letteratura.

Terminata la Seconda Guerra Mondiale, all’Italia mancava ancora di saldare parecchi debiti interni legati ai crimini e alle violenze perpetrati dagli uomini del regime ai danni dei loro stessi connazionali e non solo.

Luca, il protagonista di questo libro appartiene a un corpo speciale incaricato appunto di ricercare criminali fascisti spariti dopo il conflitto.

Essendo stato sia soldato, sia partigiano, Luca ci trasporta nel suo racconto dal passato a un presente collocato in una Milano qualche anno dopo la guerra, sulla scia dei ricordi e del mistero legato all’Enigmatica Bicicletta di cui il titolo.

Due fili narrativi che finiscono, quasi inevitabilmente, per intrecciarsi alla fine del romanzo, nonostante le perplessità del protagonista, che si vede quasi regalare dal destino l’opportunità di chiudere vecchi conti rimasti in sospeso.

Nel libro di Montalbetti la forma del romanzo storico si dipana attraverso la cronaca contemporanea della vita lavorativa e privata di Luca e attraverso il ricordo delle sue azioni di guerra.

Vicende inventate, quindi, ma ambientate in un setting descritto con grande precisione, si alternano al racconto storico vero e proprio fatto degli avvenimenti tristemente noti della seconda guerra mondiale così come li ha vissuti o ne è venuto a conoscenza il protagonista.

Entrambi i piani narrativi sono accomunati da uno stile semplice, chiaro e conciso, forse persino didascalico in alcuni punti, su cui spicca lo stile ricercato dei dialoghi, utile per collocare il lettore in una dimensione mentale legata al passato recente e alle sue modalità di relazione interpersonale.

I frequenti stacchi temporali non  disturbano la lettura e, anzi, mantengono viva l’attenzione e la curiosità del lettore anche in quei momenti in cui è ravvisabile una certa rilassatezza nell’azione.

La misura del romanzo breve o del racconto lungo risulta, quindi, particolarmente adeguata, per una vicenda che, nella sua linearità, risulta originale e accattivante, e per una scrittura che descrive più di quanto mostra, riuscendo comunque a mantenere sempre allacciato il filo della curiosità.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: