Erano i morsi

Sei gentile con tutti, come riesci
a farlo? Dopo quello che hai subìto
dagli altri, le delusioni, i torti,
sorridi e credi ancora nei rovesci
sviluppi del tuo orgoglio tradito,
vuoi credere negli uomini e sopporti.

Il mio orgoglio, invece, brucia
l’istante in una vampata
nera di urla e di fiele.
Ho atterrito la fiducia
come una bestia umiliata,
comunque sempre fedele.

Le fitte che provai quando ti scorsi
non erano pugnalate alla schienale tue mani mai portarono lame,
erano carezze – erano i morsi
di un cane abbandonato alla catena
che lotta per non morire di fame.

Lo stesso che ancora teme
ch’io non torni, quando esco
trema e guaisce, percosso.
Credi, facciamolo insieme,
perché da solo non riesco.
Se tu hai fiducia, anch’io posso.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: