Mi sedevi accanto

Mi siedi accanto
in una sala d’attesa.
Piove anche stavolta.

La tua faccia rivolta
alla finestra soppesa
il tempo: scorre in pianto.

Lo so e non mi volto.
Non ce n’è bisogno:
so quello che pensi.

Quanto sono immensi
i sogni di un sogno?
Sta piovendo da molto?

Non ti dico niente,
sembra tutto normale,
Ma è tutto diverso.

Quanto abbiamo perso
nell’incedere del male?
Il silenzio non mente.

Non ti ho mai detto
che ti voglio bene,
per un solo pensiero:

che non fosse vero.
Guarda come viene
giù la pioggia dal tetto.

Vorrei poterlo fare,
venire giù dal cielo
in un lieve acquazzone,

toccare cose e persone,
coprirle con un velo:
vicini, senza parlare.

L’incessante ticchettio
della pioggia che casca
concilia il torpore.

Secondi. Minuti. Ore.
Ti risveglia la burrasca.
O a dormire ero io?

Il braccio ruota
si tende, parlo piano,
dico parole nuove.

Fuori ancora piove
e io allungo la mano
su una sedia vuota.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: