Necrofago

Hai immerso le mani nel liquame
d’un cadavere decomposto
e le hai portate alla bocca.

Ogni volta che la morte ti tocca
trovi un sentimento mal riposto
dove soffrire la tua fame,

da solo, consumi quei banchetti
in cui l’anima si pasce,
nel silenzio della disgrazia,

l’anima bulimica si sazia,
al rumore osceno di ganasce,
ti ingozzi, soffochi e rimetti.

Ma quando la fame ti assale,
torni a quel cadavere inerme,
ti inginocchi e lo divori,

per buttare ancora tutto fuori
e ficcarci il muso come un verme,
una mosca alla stato larvale.

Rodi, spinto dal tuo basso addome,
una fame insaziabile, che sembra
non dare scandalo agli assenti.

Quel corpo, per celarne i lineamenti
continui a divorarne le membra,
finché qualcuno non dica il suo nome.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: