Un luogo gentile

Ho trovato un luogo gentile
su di un’aspra montagna,
tra le tormente di neve.
Nel tepore di aprile
un ruscello lo bagna
e il vento spira lieve

tra macerie antiche,
foriero di una fine
prima del presente.
Vedo la mia psiche
vagar tra le rovine
di un’umanità silente

verso l’alba scultura
d’un uomo senza aspetto
con gli occhi cavi
e di una donna scura
cinta al suo petto,
ambedue schiavi

di mancati conforti,
del non poter dire
“son qui con te, amore”.
Statue, corpi morti,
che non cessan di soffrire
nell’abitudine al dolore.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: