Corvi neri

La paura clemente
di perderti di nuovo,
come quando non c’eri,

come quando ero niente,
è il nido, il covo
dei miei corvi neri:

Frygt ed Erindring, timore e ricordo,
che io stesso chiusi un tempo nell’oblio
fingendo d’esser solamente mio.
Da allora vivo sul bordo

di una riva del fiume Follia,
che eternamente scorre senza sbocchi
sotto l’egida di uno sguardo torvo

che mi osserva da una vecchia stia.
Una vita spesa in balia degli occhi
di vetro e di ossidiana di un corvo.

Oggi la gabbia si è riaperta
liberando i suoi cupi prigionieri
e io sono precipitato a ieri:
nessuna verità è più certa.

I corvi volano infuriati
spargendo in aria nerame di piume,
beccano il sole, ne rodono i margini,

crudeli e voraci, i miei spettri alati
vomitano l’imbrunire e il fiume
è a rischio di rompere gli argini.

Le mie speranze sono solo abusi.
senza te, tremori dell’ego, senza.
Mostrati, usami ancora clemenza
così che i miei corvi siano rinchiusi.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: