poesia

Guàrdate allo specchio

Me viè ‘na cosa troppo importante,
vedi, quanno sei regazzino,
tu’ padre, ce sta lui e gnente.
Si te cammina vicino
te pare ‘n gigante
fra tutta l’artra gente.
Vince tutto, sa fà tutto,
te dice “fà” e tu fai quello.
È tanto forte che nun se pò dì,
che s’è contento, fori è bello,
si se ‘ncazza gira brutto,
e va bene, è bello così.

Quanno cresci, purtroppo,
nun ce stanno più i giganti,
nun le fa più lui le belle giornate,
tu’ padre è uno come tanti.
Scopri, diciamo, l’intoppo:
che pure lui fa le cazzate.

E manco poche, porcoddue!
Te sale l’odio dentro,
te la racconti “Io sò diverso.
Io co’ lui nun c’entro.”
Te ne vòi annà dalle cazzate sue
e te ne vai. E poi l’hai perso.

La vita è ‘na brutta canaglia,
se pianta e nun se mòve d’un metro.
Però è difficile che se sbaglia,
perché nun pòi tornacce indietro.

E a ‘n certo punto te piglia a muso duro,
la vita, e te urla come un pazzo:
“Anvedi mo si te piglio!
Ecco er principino de ‘sto cazzo!”
Te piglia, t’appiccica ar muro
e te dà ‘no sganassone.
“De chi te credi d’esse’ figlio?
Ma che stai a fà, coglione?
Ndo’ te credi d’annà?
Guàrdate allo specchio!”

Te ce guardi e te fai pena.
Ce stai tu da vecchio.
Ce sta la faccia de tuo papà.

Mortacci sua, la vita mena,
ma alla fine c’ha ragione.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...