Il re del mondo

Col dubbio profondo di chi implora
ho trovato infine un dio recluso.
“Dove altro potrei avere dimora?
Sono il frutto di un divino abuso.

“Mio padre è il grande e possente Marte;
Venere mi crebbe nel suo ventre.
Porto la morte e la guerra mentre
sogno la bellezza viva dell’arte.

Compresi le angoscianti paure
di chi è diviso tra due nature.

“Sono figlio di un divino seme
e di una madre che non è sposa.
Mio è l’amore folle che non teme
di poter distruggere ogni cosa.”

È la rabbia dell’onnipotente,
che potendo tutto non può niente.

“Sono il figlio di Marte e di Venere,
se potessi ti accarezzerei,
ma non ho pace tra uomini e dèi:
quello che tocco diventa cenere.

Vivo in esilio dal mio bisogno.
Solo, regno: sono il re del mondo.”
Mi destai, uscii dal quel mio sogno
serbando ancora un dubbio profondo.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: