poesia

Ignaro

Vorrei rileggere i miei fallimenti,
dare loro un altro significato
o almeno una ragione.

Con occhi più coscienti
vorrei poter riscrivere il passato;
avere un’altra occasione

per essere un uomo migliore,
un uomo che non mi disgusta;
vagliare ogni singolo errore
e fare la cosa più giusta.

Di questo volere mi nutro e vivo,
e muoio, mi intossico e mi avveleno
dell’illusione che nutre il creativo,
quella di creare e di vivere a pieno.

Così inquino ogni residua innocenza
con la stessa incapacità di vivere
che mi fa ignaro, contro ogni evidenza,
che il passato non lo si può riscrivere.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...