poesia

M’hanno strappato via ‘l core

Il core me l’hanno strappato via
da dove stava messo,
– al posto suo ce resta un buco adesso –
dico li fatti della vita mia,

cioè le cose de tutt’ i giorni:
quando te ce mannano e tu ce vai;
finché, nun sia mai,
un bel giorno ce vai e nun ce ritorni.

E che succede poi?
Succede che mica lo sa nessuno
e se pure ce sta uno
che lo sa te risponne “‘mbè, che vòi?”

Quindi nun te chiede che ce sta dopo,
che la vita passa presto, ch’è poca;
coll’ommini ce gioca
come ‘l gatto col topo.

Godite l’amici e scordate i torti,
senno il rischio è de fa come l’antichi:
de magnà le cocce e buttà via i fichi,
che poi so tutti morti…

Ecco ve l’ho già detto
e nun me lo so certo rimagnato:
è come se m’avessero strappato
il core via dal petto.
Sì, ma io pe dispetto
so rimasto e nun me ne so annato.

So ancora vivo, macché fortunato,
se tanto me dà tanto
il core mio dev’esse d’altro canto,
ce l’avrà ancora quella a cui l’ho dato.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...