poesia

Il muro di rose

Senza che ne valutiamo i costi
incidiamo profonde ferite
sulla pelle delle nostre vite,
ci urliamo contro dai fronti opposti

di un muro di rose, i cui gambi
intrecciati sono irti di spine.
È il presagio assurdo della fine
che spaventa, che ferisce entrambi.

Ci farà male strappare i rovi,
ma le mani offese e sanguinanti
tergeranno i molti, troppi pianti
offerti ai dolori vecchi e nuovi

di un cuore forte che non riposa,
di una mente stanca, ma irrequieta,
quando con l’animo del profeta
pianteremo ancora un’altra rosa.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...