teatro

Baldus

“Phantasia mihi plus quam phantastica venit
historiam Baldi grassis cantare Camoeni.”

Con questo incipit comincia il Baldus, poema diviso in 25 libri e scritto in versi maccheronici da Teofilo Folengo sotto lo pseudonimo di Merlin Cocaio; pubblicato postumo nella versione completa e definitiva nel 1552.
La seguente è la versione “teatralizzata” dell’opera. Mi è venuta la fantasia più che fantastica di cantare la storia di Baldo. È proprio il caso di dirlo…
La storia di Baldo infatti è pazzesca, una parodia dei poemi cavallereschi con cui condivide il gusto dell’iperbole, ma inserito in un’azione/narrazione fin troppo realistica e cruda.

scarica

 

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...