Piccolo Cuore, poesia

Piccolo Cuore 15

Il cuore si svegliò di soprassalto
circondato dagli astri luminosi.
“Vorresti domandare, ma non osi,
come hai fatto a giungere così in alto?”

Adesso sei nel cielo blu cobalto,
la tua casa, perché non ti riposi?
I tuoi desideri tanto preziosi
ti hanno condotto quassù con un salto.”

Così una stella parlò ai suoi pensieri
e poi chiese al nuovo astro lucente
“Piccolo cuore, dimmi cosa speri.”

“Voglio ritornare a casa e più niente.”
“Aspetteremo che un sogno si avveri
e sarai anche tu una stella cadente.”

 

Un pensiero riguardo “Piccolo Cuore 15”

  1. Piccolo Cuore è finalmente arrivato dove voleva, ma continua a non essere contento. Non è un comportamento infantile? Un capriccio? Credo di sì, ma credo anche che sia un comportamento assolutamente umano. Forse è una componente caratteriale solo mia, non lo so, per natura tendo a perseguire fino alla fine tutti gli obiettivi che mi pongo, senza pormi troppo il problema se è quello che veramente voglio, la classica questione di principio insomma, in cui la domanda veramente importante non è “e se fallisco?”, bensì “e se ho successo?”, cioè cosa accade quando arrivato dove credevo di voler arrivare non ha più importanza se si vola o si cade?

    Mi piace

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...