poesia

L’Oscuro

Non cammina con piedi umani
colui che nella notte geme
grida senza pietà né teme
antichi e sacrileghi brani,
versi del vangelo del male.

Si nutre, si pasce di paura,
la scaturigine ancestrale
della materia oscura.

Come il sugello affonda
nella morbida cera,
sua è l’angoscia profonda
nella notte più nera.

Non ha con occhi come i nostri
colui che geme nella notte,
ci scruta da profonde grotte.
Chi è colui a cui ti prostri,
anima vile e immorale?

Geme nella notte, è lui!
Nessun uomo può dirsi tale
nei recessi più bui.

Nessuno è puro.
Si nutre di follia,
ha una pelle l’Oscuro
ed è la mia.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...